Riparazione del Seno

Alcune malattie, in particolare il cancro al seno, possono richiedere l'asportazione del seno mediante mastectomia.

In questi casi, la riparazione del seno (ricostruzione del seno), che è una procedura di ricostruzione, viene utilizzata per riportare il seno al suo aspetto precedente ed estetico.

Esistono diverse tecniche utilizzate negli interventi di riparazione del seno. La tecnica da utilizzare viene decisa in base allo stato metabolico, allo stadio del tumore e alle condizioni fisiologiche delle pazienti.

Che cos'è la Riparazione del Seno?

Nelle donne che hanno subito l'asportazione del seno a causa di un tumore, la ricostruzione e la riparazione del seno vengono eseguite chirurgicamente. In questo modo è possibile superare, da un lato, i problemi estetici causati dalla perdita del seno e, dall'altro, i problemi psicologici causati da questo processo. Se le condizioni generali di salute della paziente non presentano problemi, la ricostruzione del seno può essere eseguita immediatamente dopo l'intervento di mastectomia. In questo modo, le donne possono iniziare la loro nuova vita senza problemi psicologici. Grazie allo sviluppo delle moderne tecnologie sanitarie, dopo la ricostruzione del seno si ottiene un aspetto estremamente naturale.

Chi può Sottoporsi All'Intervento di Riparazione del Seno?

Tutte le pazienti a cui è stato asportato il seno con un intervento di mastectomia sono idonee all'intervento di riparazione del seno. In alcune pazienti, la riparazione del seno può essere eseguita contemporaneamente all'intervento di mastectomia. Tuttavia, alle pazienti le cui condizioni generali di salute non sono adatte o che presentano alcune condizioni particolari può essere raccomandato di attendere per la riparazione del seno. Queste condizioni particolari includono il fumo, l'obesità e l'ipertensione, soprattutto se la riparazione del seno verrà eseguita attraverso il tessuto della paziente stessa, cioè con il trasferimento del lembo.

Come Viene Eseguito L'intervento di Riparazione del Seno?

Esistono diverse tecniche utilizzate negli interventi di riparazione del seno. La tecnica da utilizzare viene decisa in base allo stato metabolico, allo stadio del tumore e alle condizioni fisiologiche delle pazienti. Il processo di riparazione può essere eseguito con protesi o con tessuti propri della paziente, cioè tessuti autogeni. I dettagli degli interventi in questione sono i seguenti:

Riparazione del seno con protesi

Durante la riparazione del seno, le protesi possono essere applicate sotto forma di gel o di soluzione fisiologica. Rispetto ad altri metodi, si tratta di una procedura più semplice e più breve. Nelle applicazioni di protesi, possono verificarsi rari casi di infezione o sgonfiamento della protesi. In alcuni casi si può verificare anche un indurimento del tessuto intorno alla protesi, che provoca un allontanamento del seno dal suo aspetto naturale. Durante l'applicazione possono essere utilizzate protesi rotonde o protesi anatomiche (a goccia).

La durata di vita delle protesi utilizzate per la riparazione del seno è in media di 15-20 anni. In altre parole, al termine di questo periodo potrebbe essere necessario rinnovare le protesi. Naturalmente, è anche possibile che questo periodo sia più lungo o più breve, a seconda di molti fattori. Ad esempio, le deformità del seno, l'aumento o la perdita di peso eccessivi influiscono sulla durata delle protesi. Non è possibile che le protesi mammarie scoppino, ma i colpi violenti di strumenti da taglio o da piercing possono causare danni alle protesi.

Riparazione del seno con i tessuti della paziente

L'intervento di riparazione del seno con i tessuti della paziente comporta un processo più complesso. Pertanto, è molto importante che i chirurghi che eseguiranno l'intervento siano esperti in questo campo. Il tessuto prelevato dalla paziente stessa è chiamato tessuto autogeno. Questo intervento viene solitamente eseguito qualche tempo dopo la mastectomia. La riparazione del seno con tessuto autogeno viene applicata a pazienti che non hanno mai subito una riparazione del seno prima o il cui intervento di riparazione del seno è fallito dopo la chemioterapia e la radioterapia.

Il motivo principale per cui si ricorre a questo intervento è che le protesi non danno risultati nelle aree sottoposte a radioterapia. Pertanto, per la riparazione del seno vengono utilizzati tessuti prelevati dall'addome, dalla schiena, dai glutei o dalle gambe della paziente, per creare un aspetto molto più estetico e naturale. Se le pazienti sono state sottoposte a protesi in precedenza e il risultato non è stato soddisfacente, non è consigliabile ricorrere nuovamente alle protesi e la riparazione del seno viene eseguita con i tessuti della paziente stessa.

Postoperatorio e Possibili Rischi

È normale che le pazienti provino un po' di dolore dopo l'intervento di riparazione del seno, ma tutti questi dolori possono essere controllati con semplici antidolorifici. Le pazienti possono essere dimesse tra il 2° e il 5° giorno dopo l'intervento. Inoltre, il rischio di infezione viene evitato rimuovendo il liquido e il sangue accumulati nell'area da drenare durante il ricovero. La rimozione del drenaggio può talvolta richiedere fino a 2 settimane, mentre i punti di sutura possono essere rimossi dopo 7-10 giorni. Di solito sono necessarie dalle 4 alle 6 settimane perché i pazienti possano tornare alla loro vita quotidiana.

Problemi di anestesia, sanguinamento o edema sono validi anche per le operazioni di riparazione del seno, come per ogni intervento chirurgico. Si tratta di rischi che non causano problemi gravi. Nei fumatori, le cicatrici chirurgiche possono richiedere più tempo del solito per scomparire; nei non fumatori, le cicatrici chirurgiche diventeranno rapidamente indistinte. Se il cancro si ripresenta dopo la riparazione, ciò non ha nulla a che vedere con l'intervento di riparazione del seno. Allo stesso tempo, le protesi o i metodi utilizzati per la riparazione del seno non impediscono un nuovo ciclo di chemioterapia o radioterapia.

Per ottenere un successo negli interventi di riparazione del seno ed evitare la necessità di un secondo intervento, la scelta di un chirurgo specialista ed esperto è di grande importanza. Inoltre, l'aspetto del seno dopo l'intervento dovrebbe essere deciso dalla paziente e dal chirurgo insieme prima dell'operazione, e dovrebbe essere eseguita una prova digitale il più a lungo possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TORNA SU